Mi. Okt 28th, 2020

L’ex gestore di fondi speculativi, diventato investitore di bitcoin e crittografo Mike Novogratz, sembra aver previsto il recente crash di bitcoin che ha colpito lo spazio. Non molto tempo fa, in un’intervista, ha detto che c’era una „frenesia speculativa“ che circondava il bitcoin che pensava stesse sfuggendo troppo di mano.

Mike Novogratz ci ha messo in guardia su BTC

Uno dei grandi problemi del bitcoin è che ogni volta che mostra segni di picco, la gente – in gran parte nuovi investitori – vuole entrare in azione. Questo andrebbe bene, tranne per il fatto che gli utenti tendono ad acquistare in eccesso il bene. Da lì, aspettano che la valuta si rialzi, e poi, una volta che lo fa, si impegnano in una vendita. Vendono tutte o parte delle loro scorte, e queste vendite tendono ad avvenire più o meno nello stesso momento.

Di conseguenza, Bitcoin non può resistere alla pressione di vendita che la gente le sta esercitando. La moneta cade nell’oblio e il suo prezzo ne soffre. Novogratz avverte che questo potrebbe essere il caso di BTC. La gente si è talmente entusiasmata per il suo recente aumento verso i 12.000 dollari che ha acquistato rapidamente diverse nuove unità di bitcoin.

Tuttavia, nel momento in cui ha raggiunto i 12.000 dollari, le cose hanno preso una brutta piega. La gente ha iniziato a vendere le proprie scorte per ottenere un rapido profitto. Da lì, il bitcoin ha cominciato a soffrire. Non è un gran modo di investire in questo modo, perché la gente vende le proprie monete troppo presto. Se volessero rastrellare più soldi, sarebbe probabilmente più intelligente aspettare potenzialmente che la moneta cresca ancora di più. Una volta che il bitcoin avrà raggiunto cifre altissime, allora una vendita non sarà fuori questione.

Spiegava Novogratz:

Sto cercando di rimanere il più ottimista e rialzista possibile su crypto, perché è davvero all’inizio del ciclo, ma dare l’avvertimento che ci sono altre cose nei mercati che mi preoccupano.

Oltre a tutta la pressione di vendita che circonda BTC, la gente si sta impegnando ogni giorno per milioni di persone a favore di nuovi progetti di cripto, il che, in ultima analisi, sta aumentando la concorrenza. Inoltre, le azioni e gli altri mercati sono afflitti da specifiche „bolle“, come le chiama Novogratz, forse la più grande delle quali è il Tesla, che ha avuto un boom da quando la pandemia del coronavirus ha davvero preso piede in America.

Anche DeFi ne è colpita

I modelli di svendita della Bitcoin stanno cominciando a contagiare anche altre monete, come quelle coinvolte nello spazio DeFi (finanza decentralizzata). Nonostante la ritrovata popolarità del mercato, sembra che molti gettoni decentralizzati vengano venduti insieme a BTC, il che sta causando ulteriori cali di prezzo in tutta l’arena digitale. Tim Plakas di Galaxy Digital Trading dichiara:

Le monete DeFi ad alta risoluzione hanno avuto il maggior successo durante la vendita di ieri, con molti di essi in calo del 20 per cento o più rispetto al bitcoin nell’arco delle 24 ore. È stata quasi un’immagine speculare di ciò a cui abbiamo assistito ieri sui mercati azionari, con molti nomi tecnologici popolari che sono stati colpiti duramente mentre il sentimento si spostava.

Von Liam